Sembrano ormai lontani i tempi bui, quelle serate di inizio primavera in cui chiamavo costantemente i miei amici in val Brembana per sapere come stava finendo il mondo; un periodo che ricordo buio, ma non in senso metaforico; tutti i ricordi che ho di quelle settimane sono avvolti da un patina di oscurità: l’oscurità dei miei amici che andavano i propri parenti di notte per non farsi sorprendere fuori casa, l’oscurità che avvolgeva le immagini che venivano dalle terapie intensive, i camion di notte.

Tutto è stato notte per un bel periodo delle nostre vite.

Sembrava che il giorno fosse sparito e anch’io mi abituai a vivere di notte forse come difesa inconscia nei confronti dell’Altro, quello che avrebbe potuto con la sua sola presenza uccidermi.

Adesso diciamo che è diverso, molto diverso.

Non che il virus abbia smesso di circolare, anzi…

Siamo a numeri record di infezioni, forse spinti anche dalla diffusione dei test.

Quello che è veramente cambiato è la percezione che io e noto tanti intorno a me hanno di questo problema.

Tutti ci ricordiamo benissimo le emozioni che ci prendevano quando un nostro amico o conoscente ci diceva di essere malato durante il periodo buio: la paura.

La paura che morisse, che potesse infettare gli altri, che l’infezione potesse arrivare prima o poi fino a noi.

Molti, io stesso, crearono un muro verso l’esterno, un muro spesso fisico visto che mai come in questo periodo si comunicò in una maniera che l’umanità aveva appena cominciato a conoscere.

E adesso?

Adesso succede che se qualcuno ti dice di essere infetto gli dici solo di curarsi e riposare bene; e poi sposti l appuntamento di una settimana, a volte meno.

Quello che sta succedendo è che all’improvviso la malattia si è trasformata in un piccolo fastidio che genera al massimo un ritardo di qualche giorno; o peggio che ci posticipa la partita di calcio e di basket di una settimana.

E tutto ciò nonostante la narrazione continui a darci pezzi di prossime catastrofi.

Un po’ come successe con l’influenza spagnola, l’epidemia ebbe fine prima nella teste delle persone che negli ospedali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.